Nulla ti turbi

Da S. Teresa dAvila, Lettera a Suor Maria Battista, priora di Valladolid (2 Novembre 1576). Nada te turbe, segnalibro del Breviario.

Rielaborazione e musica di Chiara Vasciaveo.

Coro del Carmelo di Firenze.

 

 

Il canto utilizza come ritornello il celebre segnalibro usato da S. Teresa per il suo breviario, che va compreso bene. L'incontro con Dio non è esclusivo, nel senso che “escluda” l'amicizia umana e la contemplazione di tutto ciò che è bello, come tante volte S. Teresa faceva, ma dice il fondamento di ogni altro rapporto.

 

 

NULLA TI TURBI, NULLA TI SPAVENTI,

CHI HA DIO NULLA GLI MANCA.

NULLA TI TURBI, NULLA TI SPAVENTI,

SOLO DIO BASTA.

 

[Nada te  turbe, nada te espante

Todo se pasa, Dios no se muda..

Nada te  turbe, nada te espante

solo Dios basta.

 

Nada te  turbe, nada te espante

quien Dios tiene, nada le falta.

Nada te  turbe, nada te espante

solo Dios basta].

 

1. Certi amici sono così ingrati,

da dimenticare chi li ha amati.

Beato chi nulla dall’uomo attende.

Benedetto chi solo è vero amico,

solo è vero amico.

 

2. Medicine e cure possono dar vita,

relazioni e conti si devono fare.

Vorrei esser vicina, dando allegria,

non abbia mai paura, si fidi del Signore,

si fidi del Signore.


 

In caso di uso privato ed informale, si ricorda di citare il sito e l'autrice. Non consentite pubblicazioni e CD.



Canti

Per la prima volta edizione critica ed edizione in italiano moderno

del testo di S. Maria

Maddalena de’ Pazzi

 

Quaranta Giorni

 

Prefazione di Mons. A. Bellandi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Firenze, già Preside della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Le parole di 

Papa Francesco

 

Omelie

 Madre Pacifica del Tovaglia amica e segretaria  di

S. Maddalena 

 

 

+  28 Settembre 1627

 

Le Madri di

S. Maria degli Angeli


Venerable

Rosemary Serio

(English)

9 Maggio Commemorazione

 

       

Video della

Terra Santa