* La Parola è il roveto

 

Se vò alle creature che hanno l'essere, le veggo pigliar vigore da esse acque, onde veggo quelli albori che sono presso a esse acque, sono più alti e freschi, fanno più frutti e danno più suave ombra, sendo molto frondosi e copiosi di foglie.


Così vuoi fare in noi, che sendo le potentie dell'anime nostre piantate e radicate in esso mare che hai fatto in noi mediante l'influentia di questo Spirito, prendendo virtù e vigore da esso, facendo grande abbondantia di frutti, e tanto si vanno estendendo per affetto d'amore che fanno amena ombra a te, Verbo, sotto la quale ti riposi, cibandoti di quelli frutti, dove poi ancor tu inviti l'anima tua sposa a riposarsi sotto l'ombra tua e gustare de' tua dolcissimi frutti a tale che può dire: Sub umbra illius quem desideraveram sedi, et fructus eius dulcis gutturi meo (Ct 2,3), tanto che tu, Verbo, fai ombra all'anima, e essa anima a te. Tu la cibi et essa ciba te (RE, 59).


Et quel cuore che riceve esso Spirito è quel rubo che vedde Moise, che arde e non consuma (cfr. Es 3,2-3). Con una somma purità arde di desiderio che non sia offeso Dio, et consumassi di desiderio che sia honorato, se ben non si vede consumare (RE, 65).


Canti

Per la prima volta edizione critica ed edizione in italiano moderno

del testo di S. Maria

Maddalena de’ Pazzi

 

Quaranta Giorni

 

Prefazione di Mons. A. Bellandi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Firenze, già Preside della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Le parole di 

Papa Francesco

 

Omelie

 Madre Pacifica del Tovaglia amica e segretaria  di

S. Maddalena 

 

 

+  28 Settembre 1627

 

Le Madri di

S. Maria degli Angeli


Venerable

Rosemary Serio

(English)

9 Maggio Commemorazione

 

       

Video della

Terra Santa