Il Carmelo della

Santissima Incarnazione

del Verbo Divino

-  Roma - 

 

“Il Venerabile Monastero della Santissima Incarnazione del Verbo Divino, eretto e fondato dal Sommo Pontefice Urbano VIII con lettere apostoliche in forma di Brevi, di cui la prima diretta all’Illustrissimo e Reverendissimo Passionei suo Nunzio a Firenze, il 23 Febbraio 1639 e l’altra all’Eccellentissimo Cardinale Carlo Barberini, il 7 agosto 1639, con cui lo riveste dell’Officio di Protettore ed Ordinari del medesimo Monastero in nome della S. Sede.

 

Fu fondato a sue spese e dell’Eccellentissima Famiglia dei Principi Barberini, perciò volgarmente le monache appellansi Barberine e professano la regola dei Carmelitani dell’Antica Osservanza, come le monache Carmelitane in Firenze del Monastero di S. Maria degli Angeli, cui appartenne S. Maria Maddalena de' Pazzi e dal quale la S. Memoria di Urbano VIII fece uscire alcune Religiose, tra le quali due sue nipoti [Madre Innocenza dell'Incarnazione e madre Maria Grazia del SS. Sacramento] e due nipoti di S. Maria Maddalena de’ Pazzi, perché venissero a fondare questo in Roma e, tra i due Monasteri, quantunque uno non dipenda dall’altro, pure si è sempre mantenuta fino al giorno d’oggi relazione e corrispondenza”.

Dipinto di S. Tommaso fatto da S. Maddalena delle Barberine
Dipinto di S. Tommaso fatto da S. Maddalena delle Barberine

“Il monastero ha Costituzioni proprie e furono scritte dalle Religiose Carmelitane del Monastero di S. Maria degli Angeli di Firenze, chiamate in Roma dalla S. Memoria di Urbano VIII perché fossero le fondatrici di questo Monastero.

Sarebbe interessante comprendere quali motivi portavano a questa scelta, ma non sono del tutto chiari, a parte una migliore organizzazione dei temi.

 

Le Costituzioni redatte da madre Innocenza in una prima parte trattano l’organizzazione materiale del monastero come numero e qualità di monache ed educande. La seconda verte sui voti e virtù monastiche. La terza sugli offici e la quarta sulle autorità esterne del monastero.  Queste Costituzioni si diffusero in quasi tutti gli stati pontifici, quindi nel centro Italia, attraverso le fondazioni di Vetralla (1669), propiziata dal confessore di Roma, p. Solazzi che vi era nato, Monte Rotondo (fondato da Roma nel 1659), Jesi voluta dal card. Petrucci (1684) e Montecarotto (1671?).

 

“Per il Coro si tiene il rito romano e si adotta il Calendario dei Carmelitani Scalzi (come a Firenze).

 

Per il numero delle monache, fu fissato a 33 coriste, prevedendo pure l’educandato (con massimo 12 ragazze nobili e 6 o 7 popolane per i servizi necessari), ma si introdusse la clausola che avrebbero potuto diventare coriste solo donne di famiglia nobile”.

Si prevedeva, come a Firenze, un’ora di orazione al mattino, mezz’ora la sera e una sola ricreazione obbligatoria dopo pranzo.

 

“Lo scopo dell’Istituto, specialmente delle monache è quello  di attendere alla propria santificazione e perfezione,   al bene della Chiesa alla salute delle anime, mediante l’osservanza dei tre voti solenni e l’orazione mentale e vocale ”.  

Rituali delle Barberine
Rituali delle Barberine

“Le monache avevano il proprio monastero e Chiesa pubblica ove ora sorge il Ministero della Guerra ma ne furono cacciate nel 1871 e concentrate nel monastero delle Monache di S. Pudenziana, Via Agostino Depretis  n. 80, da cui pure temono di venire licenziate da un giorno all’altro.

Nel detto monastero vivono alla meglio, le monache Canonichesse Lateranensi di S. Agostino e le Cappuccine del monastero di S. Urbano”.

 

Dall’ultima visita apostolica fatta a Roma nel 1904

 

Risposte redatte dalla priora,

madre M. Raffaella del SS. Nome di Gesù



Il 1907 la Comunità romana chiese definitivamente di tornare nel Carmelo di Firenze dove furono fraternamente accolte  e dove portarono i pochi ricordi loro rimasti.

 

 


Canti

Per la prima volta edizione critica ed edizione in italiano moderno

del testo di S. Maria

Maddalena de’ Pazzi

 

Quaranta Giorni

 

Prefazione di Mons. A. Bellandi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Firenze, già Preside della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Le parole di 

Papa Francesco

 

Omelie

 Madre Pacifica del Tovaglia amica e segretaria  di

S. Maddalena 

 

 

+  28 Settembre 1627

 

Le Madri di

S. Maria degli Angeli


Venerable

Rosemary Serio

(English)

9 Maggio Commemorazione

 

       

Video della

Terra Santa