Il Culto di s. Maddalena

 

Assai presto il culto di S. Maddalena si estese non solo in Toscana e negli stati vicini, ma migrò in terre lontane, a partire dal Regno delle due Sicilie.

 

Intanto assai numerose furono le sue Sorelle del Carmelo di Firenze venerate dalla Comunità e dall'ordine nei vari secoli.

 

Non è un caso se il processo per la canonizzazione ebbe due sedi principali:

Firenze e Napoli, con particolare riferimento al Carmelo del SS. Sacramento e S. Maddalena, fondato dal primo Carmelo femminile di Napoli e molto amato da s. Alfonso M. de' Liguori,  il Carmelo della  Croce di Lucca.

 

Ma un altro centro irrinunciabile del culto maddaleniano fu costituito dalla principale fondazione del Carmelo fiorentino, ossia il Carmelo della SS. Incarnazione del Verbo Divino di Roma (detto delle Barberine), voluto da papa Urbano VIII per le sue nipoti madre Innocenza e madre Maria Grazia, già professe a Firenze. 

 

A S. Maria Maddalena, come madre nello spirito, si rifecero diverse Carmelitane, tra cui:

 

* Venerabile Serafina di Dio

(Capri, XVII sec.)

 

* Venerabile Rosa Maria Serio di S. Antonio

(Fasano, XVIII sec.)

 

* Serva di Dio suor Minima Luisa

di Gesù Nazareno

(Vetralla, XIX sec.)

 

 

 

 

le carmelitane di Firenze con le carmelitane spagnole nel 1939
le carmelitane di Firenze con le carmelitane spagnole nel 1939


Canti

Per la prima volta edizione critica ed edizione in italiano moderno

del testo di S. Maria

Maddalena de’ Pazzi

 

Quaranta Giorni

 

Prefazione di Mons. A. Bellandi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Firenze, già Preside della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Le parole di 

Papa Francesco

 

Omelie

 Madre Pacifica del Tovaglia amica e segretaria  di

S. Maddalena 

 

 

+  28 Settembre 1627

 

Le Madri di

S. Maria degli Angeli


Venerable

Rosemary Serio

(English)

9 Maggio Commemorazione

 

       

Video della

Terra Santa