Firenze - Duomo di S. Maria del Fiore
Firenze - Duomo di S. Maria del Fiore
Busto del B. I. Galantini
Busto del B. I. Galantini

Beato Ippolito Galantini

 

Ippolito Galantini, nato a Firenze (1565-1619), fu un laico (non religioso come taluni affermano), molto noto nella sua città per la dedizione verso l'evangelizzazione di ragazzi e uomini.

 

Nato in una famiglia modesta, fu avviato presto alla tessitura, ma di sua iniziativa si coinvolse in varie realtà del tempo, simili alle confraternite,  per una rinascita della vita cristiana nel Popolo di Dio.

 

Contemporaneo di S. Maddalena, ebbe contatti con la giovane comunità di Gesuiti di Firenze e non si può escludere che i due giovani coetanei abbiano avuto qualche occasione di incontro.

 
Desideroso di donare la sua vita al Signore, p
ensò ai rigorosi Cappuccini, ma non fu accolto per la salute cagionevole.

 

Dopo tale dolorosa esperienza, continuando nel suo umile lavoro di tessitore per mantenersi, per mandato dell'arcivescovo Alessandro Medici, fu a capo della Congregazione di Santa Lucia al Prato e poi di quella del Santissimo Salvatore.

 

In seguito ad una donazione da parte dei Francescani, dal 1602, poté disporre di un grande Oratorio in cui si occupava di catechesi e animazione pastorale con i giovani appartenenti alle fasce meno abbienti della popolazione.

 

Fondò pure la Congregazione di San Francesco della Dottrina cristiana, una confraternita (detta popolarmente Compagnia dei Vanchetoni, per il camminare silenzioso - cheto - dei confratelli nelle processioni) e malgrado le opposizioni che conobbe durante la sua vita, anche da persone stimate come d. Vincenzo Puccini, governatore del Carmelo di S. Maria degli Angeli di Firenze, fu tenace nella sua opera di laico modesto e coerente.


Morì nel 1619, subito circondato da grande fama.

Fu dichiarato Venerabile nel 1756 e beatificato da Leone XII nel 1825.

 

Buon amico di S. Maddalena che, qualche volta, si recava a visitare in S. Frediano, nel loro ultimo incontro nel 1607, e promise di "lasciarle il suo cuore", avendo condiviso pienamente, seppure in due modalità differenti di collaborazione e servizio ecclesiale,  il profondo desiderio di riforma della Chiesa.

 

La promessa non fu vana, perché l'importante reliquia del beato, dopo la sua morte, raggiunse il Carmelo fiorentino, dove rimane testimone silenzioso della comunione dei Santi.


La sua festa liturgica è celebrata il 3 ottobre.
A lui è intitolato l'Istituto Superiore
di Scienze Religiose di Firenze.

Una delle reliquie del B. Galantini
Una delle reliquie del B. Galantini


Canti

Per la prima volta edizione critica ed edizione in italiano moderno

del testo di S. Maria

Maddalena de’ Pazzi

 

Quaranta Giorni

 

Prefazione di Mons. A. Bellandi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Firenze, già Preside della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Le parole di 

Papa Francesco

 

Omelie

 Madre Pacifica del Tovaglia amica e segretaria  di

S. Maddalena 

 

 

+  28 Settembre 1627

 

Le Madri di

S. Maria degli Angeli


Venerable

Rosemary Serio

(English)

9 Maggio Commemorazione

 

       

Video della

Terra Santa