«S. Maddalena fu a Firenze un punto attrattivo di tutta la spiritualità e la cultura» G. La Pira

Biografia

 

S. Maria Maddalena (Caterina - Lucrezia) del Verbo Incarnato, appartenente alla nobile famiglia fiorentina Pazzi, nacque il 2 aprile 1566 da Camillo di Geri e da Maria Maddalena Buondelmonti.

A 16 anni, malgrado la contrarietà dei genitori, entrò nel Carmelo S. Maria degli Angeli (1450), sito nel rione Cestello della sua città natale.

Fece la sua professione in infermeria, il 27 maggio 1584, per la festa della SS. Trinità, nelle mani della priora madre Evangelista del Giocondo.

 

Dal 1584 al 1595, il suo itinerario spirituale e la sua vita interiore, intensissima, sono ancora profondamente attuali, maturati nel confronto con la Parola celebrata nella Liturgia ma anche sulle migliori fonti della spiritualità europea.

Ella prese a modello la Vergine Maria nella sequela del Figlio suo, e la sua meditazione della Parola si espresse in molti modi, anche con una sorta di sacre rappresentazioni comprensive di  discorsi, meditazioni ad alta voce, gesti simbolici.

 

Le sorelle (molte delle quali sono state poi riconosciute venerabili) si attivarono, sotto la guida di suor Pacifica del Tovaglia, dietro incarico del responsabile del monastero, d. Agostino Campi, per trascrivere le sue parole che furono raccolte in cinque volumi. Come è normale, prima della divulgazione e della stampa, le sue parole furono riviste, censurate e riorganizzate  da diversi incaricati, a partire dal governatore del monastero, don V. Puccini, consulenti delle monache (come il p. Cepari sj) e censori della locale Inquisizione (p. C. Seripando sj).

Sulle orme della Beata Maria Bartolomea Bagnesi (partecipe dei circoli savonaroliani) e di S. Caterina de' Ricci nutriva "l'ansioso desiderio" del rinnovamento della Chiesa.

Ella sapeva come, tanto la comunità ecclesiale, Sposa di Cristo, quanto le creature, sono amate infinitamente dalla Trinità Santa, ma troppe volte "ritardano" nella propria risposta all'Amore.

 

S. Caterina de' Ricci
S. Caterina de' Ricci

Perché ogni persona potesse sperimentare quel Dio comunicativo che le appassionava la vita, provò anche a parlare e scrivere ai responsabili della Chiesa del suo tempo, compresi l'arcivescovo Alessandro de' Medici, papa Sisto V, S. Caterina de' Ricci di Prato  e la Ven. Veronica Laparelli da Cortona, senza ottenere apparenti risultati.

Ebbe contatti con personalità laiche e religiose del suo tempo, come Maria de' Medici (poi regina di Francia) e il Beato Ippolito Galantini, l'apostolo laico di Firenze, grande catechista.

 

La sua vita donata fu impegnata a tessere itinerari di fedeltà allo Spirito e alla propria coscienza, nel dialogo e nella comunione tra le sorelle e i credenti, particolarmente come formatrice.

Grande fu il suo amore per la povertà concreta e spirituale, sulle orme di S. Chiara che amava chiamare la "sua avvocata".

 

Le sue parole furono trascritte dai manoscritti ufficiali, nel XX secolo, dalle consorelle suor Maria Minima Monterisi insieme a quella delle consorelle suor Maria Vittoria Maddalena di S. Agnese (Canissi) e suor Maria Teresa del Preziosissimo Sangue (Toscano). E sono dal 2007 disponibili in vari volumi in edizione critica da Quaranta Giorni a Revelatione, fino all'Epistolario e ai Detti, corredati da una trascrizione in italiano moderno (non corrente che finisce per cancellare il linguaggio maddaleniano).

La sua testimonianza richiama anche alla Chiesa del nostro tempo la centralità del Dio Trinità che vuole donarsi alla sua creatura e coinvolgerla nel suo Amore trasformante, affascinata dalla dedizione evangelizzante dei figli di S. Ignazio di Loyola.

 

Spirata il 25 maggio 1607, Sr. M. Maddalena, "piccolo campanuzzo" per svegliare i Cristiani dormienti, il suo culto si diffuse tanto in fretta che per il processo canonico una sede del tribunale ecclesiastico fu a Firenze, un'altra  a Napoli.

Fu proclamata Santa da Clemente IX il 28 aprile 1669.

 

Diverse figure notevoli per santità la presero come riferimento spirituale, tra cui le Venerabili: madre Innocenza Barberini di Roma, madre Rosa Maria di S. Antonio (Serio) di Fasano, madre Serafina di Dio di Capri e madre Minima Luisa di Gesù Nazareno di Vetralla.

 

Il Carmelo S. Maria degli Angeli e S. Maddalena de Pazzi dal 1450 a Firenze
Depliant Santa Maria degli Angeli.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

Il suo corpo incorrotto riposa  insieme a quello della

B. Maria Bartolomea Bagnesi domenicana, nel suo Carmelo, prima trasferito a Borgo Pinti e poi in p. Savonarola, dal 1928, ormai, sulle verdi colline fiorentine di Careggi.

 

Molti santi e testimoni lo hanno venerato,

da Teresa di Lisieux a Giorgio La Pira e Fioretta Mazzei, da S. Giovanni Bosco, a don Milani e don Barsotti.

 

Libri utili:

 

Testi originali

* Detti e Preghiere nella Testimonianza delle prime Sorelle, C. Vasciaveo (ed.), Firenze 2009.

 

* L'Epistolario completo, C. Vasciaveo (ed.), Firenze, 2009/2.

 

Testimonianze

* Barsotti D., Il mio cammino con S. Maria Maddalena, C. Vasciaveo (ed.), Firenze 2007.

 

 

 

L'ingresso del parlatorio piccolo
L'ingresso del parlatorio piccolo


Canti

Per la prima volta edizione critica ed edizione in italiano moderno

del testo di S. Maria

Maddalena de’ Pazzi

 

Quaranta Giorni

 

Prefazione di Mons. A. Bellandi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Firenze, già Preside della Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

Le parole di 

Papa Francesco

 

Omelie

 Madre Pacifica del Tovaglia amica e segretaria  di

S. Maddalena 

 

 

+  28 Settembre 1627

 

Le Madri di

S. Maria degli Angeli


Venerable

Rosemary Serio

(English)

9 Maggio Commemorazione

 

       

Video della

Terra Santa